Un gioco da ragazzi

by • gennaio 9, 2018 • in rete, natura, turismo in treno, viaggiareComments (0)17

Avere un vero treno oppure poterlo farlo muovere, un gioco, un desiderio che per molti è stato un sogno coltivato fin da bambini. In Ungheria bambini e adolescenti da decenni hanno la possibilità di trasformare questo sogno in realtà, potendo loro disporre di un vero treno che corre su binari veri. Fu nel secondo dopoguerra che l’allora partito comunista magiaro, così come in altre realtà dell’est europeo, organizzò uno specifico treno per portare le giovani generazioni dalle campagne verso la capitale Budapest, per farle partecipare ad attività ludiche, formative e vacanziere. L’esperienza ungherese, tuttora attiva, è considerata la più completa e articolata e una gran quantità di bambini e giovani usarono e usano il Gyermekvasút. Questo treno a trazione diesel scorre su una linea a scartamento ridotto per oltre 11 km nella zona ovest del capoluogo. E’ il Treno dei Bambini, chiamato fino al 1990 la Ferrovia dei giovani pionieri. Esso ha una caratteristica particolare: sono gli stessi ragazzi, tra i 10 e i 14 anni, che si adoperano per il buon funzionamento del servizio. Agli adulti il ruolo di macchinista e di supervisione, a ragazze, ragazzi e bambini tutti gli altri compiti: biglietteria, segnalazioni, capostazione. Oggi questo treno turistico, con itinerario da Hűvösvölgy a Széchenyi-hegy tocca cinque stazioni intermedie in luoghi di interesse naturalistico e culturale. Bambini e giovani partecipano con entusiasmo e serietà alla gestione di questa linea che fa parte a pieno titolo della rete ferroviaria ungherese (MÁV). Per poter partecipare a questi ambiti ruoli, le giovani leve devono però dimostrarsi meritevoli nelle loro rispettive scuole. Il premio potrebbe essere quello di diventare controllori o capistazione, anche a dieci anni.

 

sito del Treno dei Bambini – Gyermekvasút

sito degli orari delle Ferrovie statali ungheresi MÁV (EN)

 

 

Photo: da wikipedia.com,  autore: NearEMPTiness

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *